1297 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La Venere dei pirati (1960)

Torna indietro

La Venere dei pirati (1960)



Regia/Director: Mario Costa
Soggetto/Subject: Rolf Olsen
Sceneggiatura/Screenplay: Nino Stresa
Interpreti/Actors: Gianna Maria Canale (Sandra), Massimo Serato (Cesare di Santacroce), Scilla Gabel (Isabella), Livio Lorenzon (Mirko), Paul Müller (duca Zulian), Moira Orfei, José Jaspe, Giustino Durano, Andrea Aureli, Franco Fantasia, Nando Tamberlani, Giulio Battiferri, Gino Marturano, Gianni Solaro, Anna Maria Mustari, Raffaele Baldassarre [Raf Baldassarre]
Fotografia/Photography: Raffaele Masciocchi
Musica/Music: Carlo Rustichelli
Costumi/Costume Design: Giancarlo Bartolini Salimbeni
Scene/Scene Design: Amedeo Mellone
Montaggio/Editing: Renato Cinquini
Suono/Sound: Alessandro Sarandrea, Raffaele Del Monte
Produzione/Production: Max Production, Rapid Film, München
Distribuzione/Distribution: Euro International Films
censura: 32612 del 11-08-1960
Altri titoli: Venus der Piraten, Queen of the Pirates
Trama: Nel '600 il Duca Zulian e sua figlia Isabella esercitano dispoticamente il potere nel ducato di Doruzza. Cesare di Santacroce, nobile e promesso sposo di Isabella, ottiene che vengano posti in libertà Mirko, un capitano della marina, e sua figlia Sandra. Ma Isabella, in accordo con il Duca suo padre, prepara un'imboscata a Mirko e fa imbarcare su una nave di schiavi Sandra. Mirko sfugge all'agguato, s'impadronisce della nave ed inizia ad esercitare la pirateria insieme alla figlia Sandra, che diviene ben presto famosa per le sue gesta e viene soprannominata la Venere dei pirati. Cesare di Santacroce, all'oscuro di tutto, si offre di catturare la misteriosa corsara; tuttavia viene ben presto a conoscenza della verità. Concepisce allora un piano per far entrare Sandra e i suoi nel castello dei Duchi. Quando, poi, viene sorpreso in compagnia della Venere dei pirati, egli dichiara di aver catturato la pericolosa corsara. Sandra, credendosi tradita, non reagisce e si rassegna all'impiccagione. Ma Cesare non l'ha abbandonata e corre in suo aiuto, strappandola alla forca; i due si battono disperatamente contro gli armati del Duca e stanno per soccombere, quando i pirati e la popolazione insorta attaccano il castello. Finalmente la fortezza cade e il Duca viene ucciso per mano di Mirko. Questi confessa di essere stato in passato un sicario di Zulian, che l'aveva incaricato di uccidere la sua primogenita, cioè Sandra, la legittima duchessina di Doruzza: Mirko le aveva invece risparmiato la vita e l'aveva allevata come se fosse sua figlia. Così, mentre Isabella si ritira in convento ad espiare le sue colpe, Sandra prende il comando del ducato di Doruzza e sposa Cesare di Santacroce.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information