1328 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Saffo, Venere di Lesbo (1960)

Torna indietro

Saffo, Venere di Lesbo (1960)



Regia/Director: Pietro Francisci
Soggetto/Subject: Pietro Francisci
Sceneggiatura/Screenplay: Ennio De Concini, Pietro Francisci, Luciano Martino
Interpreti/Actors: Tina Louise (Saffo), Kerwin Mathews (Faone), Riccardo Garrone (Iperbio), Renzo Cesana (Peone), Enrico Maria Salerno (Melancro), Susy Andersen [Susy Golgi] (Attide), Alberto Farnese (Larico), Walter Grant (Toante), Aldo Pini (Demetrio), Andrea Fantasia (Pittaco), Strelsa Brown (sacerdotessa), Annie Gorassini (Dila), Lilly Mantovani (Cleide), Fernando Hillbeck (uomo con la cicatrice), Elda Tattoli (nutrice di Saffo), Elena Zareschi (Sibilla), Jim Dolan (vasaio), Isa Crescenzi (sua moglie), Solvejg D'Assunta (Elena), Mirella Di Centa (Mina), Marisa Quattrini (custode del tempio), Raoul Rodi (servo di Faone), Marco Mariani (uff ciale delle imposte), Pino Ghisi (carceriere), Antonio Battistella, Aldo Fiorelli, Elena May, Elisabetta Kubinska, Olga Sievers, Audrey McDonald, Erina Lucatelli, Erika Jorgen, Elena Fontana, Isarco Ravaioli
Fotografia/Photography: Carlo Carlini
Musica/Music: Angelo Francesco Lavagnino
Costumi/Costume Design: Gaia Romanini
Scene/Scene Design: Giulio Bongini
Montaggio/Editing: Giovanni (Nino) Baragli
Suono/Sound: Oscar Di Santo, Oscar De Arcangelis
Produzione/Production: Documento Film, Orsay Films, Paris
Distribuzione/Distribution: C.E.I.A.D.
censura: 32508 del 03-08-1960
Altri titoli: Sapho, The Warrior Express, The Warrior Empress, Sappho, Venus von Lesbos
Trama: Faone, ufficiale delle guardie del Re, organizza nell'isola Lesbo una rivolta contro il tiranno Melancro ma viene ferito dai suoi stessi commilitoni, capeggiati da Iperbio. Faone si rifugia nel tempio di Afrodite, dove Saffo, una delle sacerdotesse, nipote del tiranno, si prende cura di lui. Il guerriero e la sacerdotessa s'innamorano, ma incombe la minaccia di Iperbio. Per salvare Faone, Saffo finge di gradire le attenzioni del capo delle guardie, ma Attide, gelosa d'esser trascurata, denuncia ad Iperbio la presenza di Faone nel tempio. Questi colpisce Iperbio ma viene arrestato e mandato in esilio in Tracia. Faone riesce a fuggire dalla nave che dovrebbe condurlo in Tracia, ma viene sorpreso da una violenta tempesta che lo trascina nel regno sottomarino di Poseidone. L'intervento di Afrodite salva Faone, permettendogli di tornare a terra. Qui il guerriero raduna di nuovo i rivoltosi e riesce finalmente a detronizzare il tiranno Melancro. Poi Faone affronta definitivamente anche Iperbio e, dopo aver pubblicamente dimostrato che questi voleva uccidere il re per conquistare il potere, lo uccide durante un drammatico duello. Dopo aver salvato la patria, Faone torna a Mitilene e sposa l'amata Saffo, che nel frattempo ha lasciato il tempio di Afrodite.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information