1626 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Chiamate 22-22, tenente Sheridan (1960)

Torna indietro

Chiamate 22-22, tenente Sheridan (1960)



Regia/Director: Giorgio Bianchi
Soggetto/Subject: Mario Casacci, Alberto Ciambricco, Giuseppe Aldo Rossi, Giorgio Bianchi
Sceneggiatura/Screenplay: Mario Casacci, Alberto Ciambricco, Giuseppe Aldo Rossi, Giorgio Bianchi
Interpreti/Actors: Ubaldo Lay (tenente Ezechiele Sheridan), Nadine Duca (Patricia), Tilde Damiani (Gertie), Umberto Orsini (Tommy), Paola Dapino (Lizzie), Brigitte Schenkel (Myrna), Carlo Alighiero (sergente Steve), Sandro Moretti (Milis), Luigi Borghese (Danny Cilento), Peter Dane (Ferguson), Arturo Zanini (George Berman), Livia Contardi (Cathrine Fellows), Corrado Olmi (Pat), Erina Locatelli (Dolly), John Francis Lane (avvocato Jordan), Juan Vallejo (Jeff), Roger Azel, Margherita Puratich
Fotografia/Photography: Alfio Contini
Musica/Music: Armando Trovajoli
Costumi/Costume Design: Adriana Berselli
Scene/Scene Design: Piero Filippone
Montaggio/Editing: Maurizio Lucidi
Produzione/Production: Columbus Film (Produzioni Cinematografiche)
Distribuzione/Distribution: Lux Film
censura: 33494 del 26-11-1960
Altri titoli: Llamad al 22-22 inspector Sheridan, Wettlauf mit dem Henker
Trama: Condannata a morte con l'accusa di aver rapito ed ucciso un bambino, Catherine Ferguson sta per essere giustiziata nella camera a gas. Convinto della sua innocenza, il tenente Ezechiele Sheridan ha quarantott'ore di tempo per salvarla. Nel corso delle rapide e febbrili indagini, Sheridan scopre che la donna aveva una relazione extraconiugale con un noto pregiudicato e viene raggiunto dalla notizia della morte del signor Ferguson, un ex pilota, suicidatosi nel proprio appartamento. Dove, accanto al cadavere, viene trovata una lettera di autoaccusa: l'uomo dichiara di essere lui e non sua moglie il vero responsabile della morte del bambino e di essersi suicidato per il rimorso. Ma il tenente non crede al suicidio, pensa ad una messinscena ed in breve riesce a scoprire che il signor Ferguson è stato assassinato da chi ha rapito e poi ucciso il bambino, riesce ad arrestare il vero colpevole, il noto pregiudicato, e a salvare Catherine proprio pochi istanti prima che avvenga l'esecuzione.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information