1883 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'amante del vampiro (1960)

Torna indietro

L'amante del vampiro (1960)



Regia/Director: Renato Polselli
Soggetto/Subject: Renato Polselli, Giuseppe Pellegrini, Ernesto Gastaldi
Sceneggiatura/Screenplay: Renato Polselli, Giuseppe Pellegrini, Ernesto Gastaldi
Interpreti/Actors: Hélène Rémy (Luisa), Tina Gloriani (Francesca), Walter Brandi (Herman), Maria Luisa Rolando (contessa Alda), Isarco Ravaioli (Luca), John Turner (Giorgio), Ugo Gragnani (professore, don Crescenzio), Brigitte Castor, Lut Maryk, Ombretta Ostenda, Baya Sanni, Marisa Quattrini, Giorgio Braccesi, Titti Valeri, Stefania Sabatini, Franca Licastro
Fotografia/Photography: Angelo Baistrocchi
Musica/Music: Aldo Piga
Scene/Scene Design: Amedeo Mellone
Montaggio/Editing: Renato Cinquini
Suono/Sound: Leopoldo Rosi, Raffaele Del Monte
Produzione/Production: C.I.F. - Consorzio Italiano Film
Distribuzione/Distribution: Rome International Film
censura: 31701 del 14-04-1960
Altri titoli: Die Geliebte des Vampirs
Trama: In una villa di campagna, il coreografo Giorgio istruisce un corpo di ballo impegnato nella preparazione di uno spettacolo. La morte di una giovane contadina del vicino paese, trovata cadavere senza una goccia di sangue, rimette in giro un'antica leggenda di vampiri di un castello nei dintorni, ormai disabitato da tempo, e getta qualche sospetto proprio sulle ballerine. Due di loro, Francesca e Luisa, visitano il castello in gita in compagnia di Luca, un amico, e scoprono la terribile verità: il maniero è abitato dalla contessa Alda e dal suo maggiordomo Herman e da oltre quattro secoli la donna vampirizza il suo servo inducendolo a sacrificare le ragazze del villaggio, il cui giovane sangue permette alla contessa di conservare un'eterna giovinezza. Luisa viene morsa alla gola e diventa schiava-amante del vampiro. A sua volta la ragazza tenta di rendere vittima Francesca, ma Luca accorre con Giorgio intervenendo giusto in tempo: Luisa muore dissanguata, i due vampiri Alda ed Herman, imprigionati sugli spalti del castello, si dissolvono alle prime luci dell'alba.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information